JESUS

QUELLO DI CUI HO BISOGNO

A volte ciò di cui abbiamo bisogno non sempre corrisponde ai nostri desideri

 

“Toc toc, c’è nessuno?”

(Silenzio)

“Scusa sai, so che sei MOLTO impegnato con tanti casi umani di cui ti devi occupare personalmente, e lo capisco, ma quelle persone magari neanche ci credono in te, figuriamoci sperare in un tuo aiuto, mentre io che ti cerco quasi ogni giorno, avrò pure il diritto di precedenza, no?”

“Ma io non sono venuto per i sani, bensì per i malati, sia che credano in me, sia che non ci credano”

“Oh, finalmente ti sei degnato di rispondere. Beh, te lo devo dire, sono molto, molto incazzata con te”.

“E perchè mai?”

“Ma tu non sai tutto e non vedi tutto? Dimmelo tu perchè sono arrabbiata con te”

“Tiro a indovinare: è per via del problema che ha avuto tua mamma quando tu eri in viaggio in Africa?”

“Vedi che hai buona memoria? Sì, è proprio per quello: ti avevo chiesto una cosa sola, una, e tu non ti sei impegnato a realizzarla.”

“Nei sei sicura?”

“Certo che ne sono sicura! Ti avevo chiesto di farmi partire tranquilla e che mia mamma  sarebbe stata bene durante la mia assenza. E invece non sei stato capace di ascoltare la mia domanda. Ma che Dio sei? Dov’è finita la tua potenza, quella che ti vanti tanto di avere e poi al momento di usarla te ne dimentichi?”

“Perchè hai la pretesa che io avrei dovuto ascoltare la tua richiesta?”

“Non l’hai forse detto tu ‘se avrete fede e non dubitate, qualsiasi cosa chiederete nel mio nome vi sarà data e nulla vi sarà impossibile?’ Beh io ho creduto, mi sono fidata di te, e tu te ne sei fregato di me, così ho scoperto a metà della vacanza che mia mamma è dovuta tornare al pronto soccorso. Per fortuna prima di partire avevo allertato alcuni parenti che se succedeva qualcosa ci pensassero loro. LORO mi hanno aiutato, non tu!”

“Io non dò alle persone tutto quello che mi chiedono, ma quello di cui hanno bisogno”

“Ah, quindi io avevo bisogno che mia mamma tornasse in ospedale?”

“Tu avevi bisogno di affidare di più a me il problema di tua mamma. Non sei sola in questo difficile compito, io sono con te al tuo fianco e questo tu l’avevi dimenticato. Cercavi da me solo la medicina per curare tua mamma, non cercavi me. Pensi forse che non ti abbia aiutato mettendoti vicino i tuoi parenti che in tua assenza si sono occupati di tua mamma?”

“Non ci avevo pensato…davvero sei stato tu?”

“Potevano rispondere che non avevano tempo di occuparsi di tua mamma in caso di bisogno, e invece hanno detto di sì, perchè sono stato io a volere che le cose andassero così. Non posso togliere la malattia di tua mamma, ma posso aiutarti a convivere più serenamente con questo problema che ti affligge tanto. Questo lo sto già facendo. Non è forse vero che quando tua mamma è tornata a casa dall’ospedale, ti sei sentita sollevata perchè hai visto che le cose sono andate avanti anche senza di te e durante la vacanza la tua mente è stata libera da ogni preoccupazione? Io ti ho aiutato a sentirti più leggera e a goderti la vacanza con la tua famiglia”

“Anche se mi secca darti ragione, è vero, dopo sono stata bene ed ero più tranquilla, ma….”

“Ma? Lo sai che a me puoi dire tutto”.

“Ma io mi sento SOLA, mi sembra una situazione più grande di me che non so gestire e non so cosa mi aspetterà d’ora in avanti”

“Tu non sei sola, hai me. Ti viene chiesto di occuparti di lei, non di pre-occuparti, non di voler portare tutto il peso sulle tue spalle. Metti anche sulle mie spalle questo peso che ti angoscia tanto, lo portiamo insieme, io e te”

“Davvero posso contare su di te, davvero non mi prendi per il culo?”

“E’ una promessa.”

“Ti voglio bene.”

“Anch’io te ne voglio, TANTO”

Comments (2)

  • Provare e sentire dentro tutto ciò che hai scritto è un qualcosa di veramente grande, anch’io, che sono credente , condivido questo pensiero. E poi anch’io ho avuto la mamma ammalata parecchio tempo….che ansie…si lotta contro l impossibile.

    Rispondi
    • Quando hai la fortuna (come me e te) di credere che c’è Qualcuno che ti aiuta ad affrontare le sfide della vita, intanto non ti senti più solo, poi non permetti ai problemi di schiacciarti. So che da questa malattia di mia mamma imparerò qualcosa di nuovo, anche se non so ancora cosa, ma ne sono certa.

      Rispondi

Write a comment